Guadagnare con un blog: 8 semplici metodi per tutti

Come-guadagnare-con-un-blog

Se ti stai chiedendo come guadagnare con un blog, non sei il solo. Molte persone sono infatti alla ricerca di modi per fare dei soldi online.

Quando sono stati lanciati siti web o piattaforme come Facebook, Twitter o altri, non sempre sin dall’inizio avevano un piano per generare dei guadagni. Il loro obiettivo principale era quello di realizzare qualcosa che attirasse l’attenzione e una grande quantità di traffico.

Ma arrivato il traffico, si presenteranno molti modi per generare dei guadagni dal tuo sito web.
Naturalmente il tuo blog / sito web, avrà una sua nicchia di mercato ben definita, quindi tieni a mente sempre questi punti fondamentali:

Non credere che siano solo i siti di e-commerce capaci di generare dei guadagni, quello è solamente uno dei modi esistenti. Oggi chiunque può prendere una fetta di torta dal vasto mondo di opportunità online esistenti.

Alcuni metodi di monetizzazione sono semplici, altri un po più “complessi”, ma tutti, se impostati bene, possono fare dei miracoli.

Di seguito ti illustrerò gli 8 semplici metodi più comuni che ti permettono di poter guadagnare con un blog.

Vendita di prodotti

Come dicevamo in precedenza è uno dei metodi che viene per primo in mente quando si parla di come guadagnare con un blog / sito web online.

Oggi ci sono al mondo circa 24 milioni di negozi online, ma di questi, oltre 650.000 siti web di e-commerce sono in grado di generare vendite annuali di oltre 1 milione di dollari.

Questo dato cresce di anno in anno e la parte migliore sta nel fatto che chiunque può essere in grado di creare un e-commerce.

Come creare un e-commerce

Negli ultimi anni hanno spopolato quei costruttori di siti e-commerce fai da te tra cui Shopify e BigCommerce, rendendo più semplice e alla portata di tutti la creazione di un negozio online.

Questi hanno infatti dei modelli predefiniti: ti basta scegliere il modello che più ti piace o si adatta alla categoria di prodotti che vuoi vendere, aggiungere i tuoi contenuti e i prodotti e incorporare le funzionalità di cui hai bisogno.

come-creare-un-e-commerce
Accresci il tuo business vendendo i tuoi prodotti o servizi anche online!

Ti serviranno moduli di iscrizione, dover analizzare l’andamento del sito e delle vendite, ma piattaforme come quelle prima menzionate, hanno gran parte delle funzionalità di base e permettono di installare degli strumenti extra necessari.

Se invece hai delle conoscenze più tecniche o non vuoi affidarti a quel tipo di piattaforme, realizzare un e-commerce su WordPress tramite Woocommerce, può essere un modo per personalizzare al massimo la tua attività.

Una storia di successo: Harry’s Razors

Questo brand è nato su un concetto semplice: l’attrezzatura per la rasatura non deve essere costosa! Sono stati due ragazzi normali a creare questo e-commerce, utilizzando Shopify.

Hanno semplicemente utilizzato gli strumenti integrati della piattaforma e iniziato a costruire e fornire le soluzioni per la rasatura.

Soltanto 10 mesi dopo, la Harry’s Razors aveva acquistato una fabbrica di produzione in Germania, aveva più di 100.000 abbonati alla propria newsletter e guadagnava oltre 122.5 milioni di dollari.

In seguito i creatori di questo brand, hanno venduto la loro azienda a Wilkinson Sword per 1,4 milioni di dollari.

Questo è un esempio di come, qualsiasi idea anche semplice o piccola, può essere trasformata in un impero.

Guadagnare con un blog: vendere un servizio

Il secondo metodo abbastanza comune per guadagnare con un blog, consiste nel vendere i propri servizi.
Pensa che può essere qualsiasi cosa in cui tu sei appassionato o esperto: dalla creazione di programmi dietetici su misura all’attività di pulizia delle finestre.

Il sistema è un po come nel caso del negozio online, solo che la differenza sta nel fatto che qui non hai bisogno di una piattaforma specifica per l’e-commerce.

Ti basta avere un normale sito web / blog, dove pubblicare i tuoi contenuti, spiegare le soluzioni che offri e fare in modo di creare il tuo pubblico fedele.

Dove sta il segreto? Nel creare la tua unicità! Il tuo servizio deve essere diverso dalla concorrenza e le persone devono avere un buon motivo per acquistare da te e non dagli altri!

Vendere spazi pubblicitari

Altro metodo per guadagnare con un blog, consiste nel ricevere delle commissioni, dagli annunci pubblicitari presenti nel tuo sito.

Potresti magari trovarli inutili o fastidiosi, ma la verità è che visualizzare gli annunci sui siti web è uno dei modi più semplici per fare soldi online.

Il metodo più utilizzato è quello di adottare il modello pay-per-click: significa ricevere delle commissioni dagli inserzionisti, ogni volta che qualcuno fa clic sul loro annuncio presente nella tua pagina web.

pay-per-click
Traccia i click per ottimizzare i tuoi guadagni.

Mettiamo che il costo per clic medio per i siti che vendono spazi pubblicitari sia di € 0,20. Immagina un contesto dove sei capace di generare mille clic al giorno perché il tuo sito ha un buon traffico. Significa che in media puoi guadagnare circa 73.000 euro in un anno!

Vendere degli spazi pubblicitari alle aziende richiede un po di lavoro da parte tua, rispetto che aderire per esempio al circuito Adsense di Google, ma ti da la possibilità di avere un posizione più forte.

Infatti puoi selezionare il tipo di annunci che vuoi vengano visualizzati sul tuo sito web e puoi negoziare un pagamento più elevato per clic.

Sappi che in questo caso, più che concentrare le tue energie sulla configurazione degli annunci dentro il tuo blog, per guadagnare cifre importanti devi avere molto traffico mensile.

Guadagnare con un blog: il marketing di affiliazione

Probabilmente anche tu, navigando sul web e cercando dei prodotti o servizi per te necessari e utili, avrai cliccato su un link che ti portava in una pagina di vendita di tali prodotti.

Questo, detto in modo così semplice è il marketing di affiliazione: ovvero un accordo tra l’azienda che ha dei prodotti e il tuo sito web attraverso il quale indirizzi i tuoi utenti verso quell’azienda.

Esistono due modi per guadagnare con un blog attraverso il marketing di affiliazione: il costo per clic (CPC) e il costo per acquisizione (CPA).

Con il CPC, in pratica ricevi del denaro ogni volta che qualcuno fa clic su un link presente nel tuo sito web che lo rimanda alla piattaforma a cui ti sei affiliato.

Con il CPA, invece, quando l’utente clicca sul link nel tuo sito, non ricevi immediatamente denaro: ma solamente se l’utente una volta dentro il sito dell’affiliato acquista un prodotto o si iscrive ad un servizio.

Naturalmente le commissioni CPA sono più elevate, perché in genere si guadagnano percentuali che arrivano anche fino al 50% del costo totale di un prodotto o servizio acquistato dall’utente.

affiliate-marketing
Affiliati a prodotti che ti garantiscono commissioni ricorrenti.

Il marketing di affiliazione si può collegare perfettamente con i tuoi contenuti.
Se per esempio hai instaurato un rapporto di affiliazione con Harry’s Razors, perché nel tuo blog parli di rasatura, sicuramente realizzerai dei contenuti che approfondiscono questo tema per quella nicchia e pertanto avrai dei collegamenti unici verso l’e-commerce di Harry’s Razors.

Questi link sono importanti, perché sono il modo attraverso cui Harry’s Razors traccia che l’acquisto di un prodotto da parte di un loro cliente, proveniva originariamente dal tuo sito web.

Anche in questo caso, maggiore è il traffico all’interno del tuo sito web, più hai la possibilità di indirizzare questo traffico verso quei prodotti a cui ti sei affiliato.

Accettare donazioni

Ancora oggi questo metodo di guadagnare con un blog, non è molto popolare e in alcuni paesi poco utilizzato.

In questo caso, a differenza dei due precedenti, non ci si basa sul fatto di avere molto traffico, piuttosto di creare una comunità davvero impegnata.

Se i tuoi visitatori apprezzano e acquistano nei tuoi contenuti, molti saranno disposti anche a mostrare il loro riconoscimento per il tuo lavoro tramite una donazione.

Infatti, oltre agli enti di beneficenza, le donazioni sono ormai uno standard nei siti di podcast: molti di essi infatti si affidano a generosi finanziamenti da parte degli ascoltatori per mantenere vivo il proprio spettacolo.

Un esempio lampante è Wikipedia, un sito non profit che accetta donazioni.

Come impostare le donazioni sul tuo sito?

La maggior parte dei metodi esistenti di pagamento online ti permette di incorporare dei pulsanti di donazione sul tuo sito.

Una delle principali scelte adottate dalla persone è il pagamento tramite Paypal, grazie alla sua popolarità e alla facilità d’uso.

Infatti dopo aver configurato il tuo conto Paypal, puoi creare e personalizzare il tuo pulsante di donazione.
Si può anche modificare il testo del pulsante, aggiungere importi di donazione impostati o permettere ai visitatori di scegliere l’importo che desiderano pagare.

Ti verrà infatti fornito un codice HTML, che sarà necessario incorporare nel tuo sito perché si generi il pulsante per la donazione.
Dopo che le persone avranno fatto clic su questo pulsante, verranno inviate al sito PayPal, dove potranno inserire i dettagli e completare la donazione.

Ricorda che per adottare questo metodo devi avere un seguito fedele e produrre dei contenuti che davvero ne valgano la pena e portino la tua comunità a riconoscere il tuo lavoro tramite il sistema della donazione.

Guadagnare con un blog: i post sponsorizzati

La frase “post sponsorizzati” è spesso sinonimo di influencer, ovvero quelle figure che hanno molti follower e promuovono i prodotti di altri, attraverso i post nelle loro bio, in cambio di notevoli somme di denaro.
Non solo gli Instagrammer però possono entrare in azione.

Man mano che il tuo sito web cresce in popolarità, potresti trovare aziende che ti contattano, nella speranza che tu possa promuovere il loro marchio.

Fai però attenzione: devi mantenere intatta la reputazione che ti sei creato, pertanto vorrai solo post sponsorizzati che siano pertinenti con quelli che sono gli interessi dei tuoi visitatori.

Ci sono anche delle linee guida molto rigide che affermano che devi dichiarare ai tuoi visitatori che il contenuto presente è un post sponsorizzato.

Se il tuo sito ad esempio recensisce e confronta orologi, non ha senso ospitare sul tuo blog. contenuti di un’azienda che vende mobili.
Invece ha senso ad esempio un marchio che ripara orologi o di gioielli che magari completano l’aspetto estetico di chi indossa un orologio.

In questo modo ai tuoi visitatori offri non solo contenuti pertinenti e coinvolgenti, ma guadagni semplicemente presentando un altro marchio.

Altro modo per guadagnare con i post sponsorizzati è quello di invertire il processo poco prima spiegato.
Se ad esempio sei riconosciuto come esperto nel tuo settore, altri siti potrebbero voler creare dei contenuti per la propria nicchia attingendo appunto dalle tue conoscenze.
In questo caso il guadagno non è direttamente collegato al tuo blog, ma puoi attribuire il denaro che guadagni al contenuto che stai pubblicando.

Genera dei lead

Questo è un metodo di guadagno un po più complesso, in quanto si tratta di un processo che mette in contatto potenziali clienti con aziende che potrebbero essere utili per loro.

Un esempio per capire meglio: se gestisci un sito che parla di atletica leggera, potresti instaurare delle collaborazioni con dei marchi sportivi, per metterli in contatto con atleti interessati ad esempio a migliorare le loro prestazioni.

generare-lead
Genera un traffico di qualità.

La differenza con il marketing di affiliazione, sta nel fatto che non stai portando i tuoi utenti su piattaforme dove acquistare un prodotto specifico, ma stai mostrando loro un serie di servizi e alternative a cui potrebbero essere interessati.

Sempre tornando all’esempio di prima, potresti collaborare con nutrizionisti, personal trainer o scienziati dello sport e perciò aiutare e dirigere le persone verso il servizio commerciale fornito dai partner con cui collabori.

Come generare dei lead

Guadagnare con un blog generando dei lead vale a dire effettuare due passaggi importanti:

  1. trovare aziende interessate a intrattenere rapporti commerciali con te;
  2. ottimizzare il tuo sito per avere successo.

Vale a dire che devi avere un sito web pulito e facile da navigare con inviti all’azione (CTA) chiari. Il CTA è semplicemente un pulsante che invita le persone a fare clic su di esso.

Perché i CTA abbiano successo, i tuoi visitatori devono avere chiaro cosa succede quando fanno clic sul pulsante. Nella maggior parte dei casi saranno reindirizzati a un modulo che chiederà loro di compilare informazioni personali e dettagli di contatto.

In seguito saranno contattati dall’azienda per vedere quanto sono interessati al loro servizio.
I tuoi lead però devono essere di qualità, ovvero persone che sono davvero interessate a quegli eventuali prodotti o servizi delle aziende con cui collabori.

Guadagnare con un blog: le sottoscrizioni

Non solamente sono le riviste o i giornali che le persone pagano per essere abbonati e usufruire dei loro contenuti.

Qualsiasi cosa che possa essere un tutoraggio online, l’accesso a dei software o a contenuti digitali premium, può essere monetizzata attraverso un sistema di abbonamento.

Un dato: il solo mercato e-commerce in abbonamento ha una crescita esponenziale del 100% negli ultimi anni; è infatti un ottimo modo per garantire entrate ricorrenti.

Guadagnare con un blog con le sottoscrizioni è fattibile soprattutto quando si dispone di un prodotto o servizio che le persone non possono acquistare fisicamente, ma hanno bisogno di accedervi regolarmente.

Se il tuo sito è abbastanza popolare, puoi ad esempio creare contenuti premium a cui i tuoi visitatori possono accedere tramite un paywall.
Fai però attenzione nell’adottare questa strategia, perché si può rivelare rischiosa se in origine i tuoi contenuti erano fruibili in modo gratuito.

Ma se questo sistema è improntato nel modo giusto, può essere un modo che fa anche sentire i tuoi visitatori come parte di una community esclusiva.

Come si imposta un modello di abbonamento?

La maggior parte delle piattaforme ti consente di creare un’areasolo membri” su tuo sito web. Questa può essere protetta da un nome utente e una password che i visitatori riceveranno quando si iscrivono e dovranno appunto inserire per accedervi.

In questa area puoi archiviare tutti i tuoi contenuti premium: articoli, ricerche, video, podcast e altro ancora.
Puoi anche regalare prodotti gratuiti agli abbonati, strategia utile per aumentare la fedeltà e il fascino al tuo marchio.

Conclusioni

Guadagnare con un blog è una strada davvero percorribile, in quanto internet continua a crescere e anche tutto il pool di denaro dietro di esso.
Avere un reddito online, non è nemmeno qualcosa che riguarda solamente quei siti web di grandi dimensioni, come ti ho dimostrato in alcuni esempi.

Quali dei metodi che ti ho illustrato dovresti usare?
Ci sono diverse variabili che devi considerare:

  • lo scopo del tuo sito web / blog;
  • il modo in cui desideri visualizzare i tuoi contenuti;
  • quanto traffico al mese riceve il tuo sito;
  • il numero di visitatori che ritornano nel tuo sito.

Per i siti che ad esempio hanno un elevato numero di visitatori “di ritorno“, post sponsorizzati, accettazione di donazioni e abbonamenti sono quei metodi di guadagno che davvero dovresti prendere in considerazione.

Mentre se possiedi un sito web emergente, promuovere i tuoi prodotti e servizi è la strada più facilmente percorribile.
Puoi anche raggiungere dei siti più affermati pubblicando dei post sponsorizzati per loro e ciò non può che avere come conseguenza, l’aumento di un maggiore seguito al tuo sito.

Sappi che se vuoi guadagnare davvero molto, devi però prima aumentare la popolarità del tuo sito web.

Jetpack

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post e altri contenuti per te!

Be the first to comment on "Guadagnare con un blog: 8 semplici metodi per tutti"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.