Seo Copywriting: come scrivere un articolo SEO

Seo-Copywriting

Il seo copywriting non è altro che la capacità di scrivere per gli utenti e allo stesso tempo per i motori di ricerca. Fa parte di una più ampia strategia che è all’interno del concetto di content marketing.

Hai da poco deciso di avere una presenza online, creando il tuo primo blog o sito?
Perfetto! Sei sulla strada giusta e ti invito a leggere l’articolo dove parlo di quanto sia importante avere un sito web oggi.

Ma adesso che sei qui, sicuramente ti interessa sapere come scrivere un articolo ottimizzato per i motori di ricerca.
Nulla di complicato, soprattutto se ti avvali dei software che ti aiutano nella ricerca delle parole chiave e nel posizionamento dei tuoi articoli.

Sarai capace quindi di scrivere articoli SEO friendly, con una buona scrittura che è facile da comprendere dai tuoi lettori, ma anche dai motori di ricerca.
Il segreto sta appunto nel trovare questo tipo di equilibrio: soddisfare i bisogni degli utenti e farsi comprendere dai motori di ricerca.

Lo vedremo nei paragrafi che seguono, dove ti farò da guida, per adottare nella giusta sequenza le fasi che portano alla realizzazione di un articolo SEO.

Come iniziare a fare seo copywriting

Inizia con la ricerca

Se davvero vuoi fare la differenza sia per te, che per i tuoi lettori, senza le ricerche necessarie, ti posso dire che stai girando al buio.

Infatti in questa prima fase dovrai determinare alcune cose fondamentali:

  • le keyword in base al target a cui ti riferisci;
  • la lunghezza dell’articolo;
  • il tipo di articolo che vuoi realizzare;
  • analizza gli altri articoli della concorrenza che trattano il tuo stesso argomento;
  • tieni sempre conto che i lettori fanno anche domande.
Analisi-parole-chiave
Analizza le parole chiave secondo il target che vuoi attrarre

Mi preme dover sottolineare nuovamente come per iniziare già con la prima fase, hai bisogno di non muoverti nel buio, ma con dei dati, che ricavi dall’analisi risultante dall’uso degli strumenti appositi.

Avrai modo così di capire la parola chiave in target e, le rispettive correlate, sulle quali costruire il tuo articolo ottimizzato.

Osserva la tua parola chiave su Google

Scrivi nella barra di ricerca di Google, la tua parola chiave e osserva che tipo di articoli ci sono e in che posizione nella pagina.

Potresti trovare degli elenchi, soprattutto quando la tua parola chiave corrisponde a qualche software o prodotto che è abbastanza ricercato dagli utenti online.

Individua il limite delle parole per il tuo articolo

Con l’utilizzo degli strumenti adatti già prima menzionati, hai la possibilità di identificare il limite delle parole che il tuo articolo dovrebbe avere, per aumentare le possibilità di scalare le posizioni nella ricerca organica.

Google premia in genere i contenuti di una certa lunghezza, ma i software SEO, sono in grado di capire in base alla quantità delle tue parole chiave, più quelle pertinenti, che tipo di lunghezza debba avere il testo che scriverai.

Individua cosa chiedono le persone

Un altro passaggio importante è quello di capire cosa chiedono le persone ai motori di ricerca.
Infatti quando digiti la tua parola chiave in target, nella ricerca di Google, si attiverà in automatico una sezione che mostrerà gli argomenti pertinenti a quella keyword.

A questo punto puoi scegliere quelle domande che hanno senso con gli obiettivi del tuo articolo e dare quindi anche tu delle risposte dentro i tuoi contenuti.

Questo è un metodo semplice, gratuito, ma intelligente, per fare in modo che il tuo “seo copywriting” risponda anche alle domande che le persone pongono al motore di ricerca.

Adesso però è arrivato il momento di capire da cosa è composto un articolo al suo interno e quali sono gli elementi che incidono molto sulla SEO, quindi sul posizionamento organico.

Seo Copywriting: Titolo post e meta titolo

Per prima cosa devi capire la differenza che c’è tra il titolo del post e il meta titolo:

  • Il titolo è ciò che il lettore vede sul tuo sito web, che identifica e racchiude quello che sarà il contenuto del tuo articolo;
  • Il meta titolo è invece quello che fa vedere un motore di ricerca nella pagina dei risultati.
tag-title-esempio
Il tag title per il posizionamento SEO

Se ad esempio nelle impostazioni del sistema in cui realizzi i tuoi contenuti, nel mio caso WordPress, non hai specificato un meta titolo, sarà il titolo del tuo post a essere trattato come meta titolo.

Conta perciò avere nel titolo o se specifichi il meta titolo, la presenza almeno della parola chiave principale.

Suggerimento: per una corretta visione sulla pagina dei risultati dei motori di ricerca, mantieni i titoli dei tuoi articoli inferiori o al massimo di 66 caratteri.

La meta description

Per inserire questa sezione, hai necessariamente bisogno di un plugin SEO, come Yoast Seo, che attiva dentro il tuo articolo questo campo.

La meta description, nell’attività di seo copywriting, ha un ruolo davvero molto importante, nel contesto di classificazione dei motori di ricerca.

Essa si compone di un massimo di 156 caratteri, dentro la quale non dimentichiamoci di aggiungere sempre qualche parola chiave.

meta-description-esempio
La meta description attrae il lettore a cliccare sul tuo articolo

Cosa dobbiamo scrivere nella meta description?
Poiché essa appare sotto il titolo del post, deve racchiudere in quei 156 caratteri, una descrizione seducente che ispiri i potenziali lettori a fare clic e perciò avere interesse e curiosità a leggere il tuo articolo.

Ottimizzando le meta description dei tuoi post, ti assicuri che ogni tuo articolo abbia un’arma in più e un potenziale che indirizza maggiore traffico al tuo sito.

Se non lo sapessi, Google, “vede” ogni post dello stesso blog, come una pagina web differente: infatti classifica ogni post per determinate parole chiave.

Attributo Alt dell’immagine

Ti svelo subito che Google non è in grado di leggere le immagini.
Piuttosto, le riconosce attraverso il testo.
Anche le immagini infatti contribuiscono all’ottimizzazione del seo copywriting.

Per garantire che i motori di ricerca possano capire di cosa tratta un’immagine, devi usare dei nomi adeguati e che sono attinenti all’argomento che stai trattando nel tuo post.

Infatti ancora oggi, molte persone commettono il grave errore di caricare le immagini con nomi del tipo image001.jpg.
Ti faccio un esempio: se acquisisci uno screenshot dalla dashboard di un software a cui sei abbonato, perché vuoi creare un post dove spiegare come si usa quel programma, come denomini quell’immagine?

Non solo con il nome del programma, semmai “dashboard e il nome del programma”. Infatti può succedere che se le persone cerchino un’immagine su Google, atterrino su una nostra immagine e perciò dentro il nostro post.

In ogni caso anche nell’attributo alt dell’immagine è sempre consigliato usare delle parole chiave.

Interlink e Anchor Text

Chiunque abbia un sito web e al suo interno dei contenuti di valore, oltre ai tanti obiettivi che vuole raggiungere, quando fa seo copywriting, deve sapere che i lettori devono rimanere il più a lungo dentro il sito.

Come si fa? Semplice, inserendo dentro i post dei link interni che rimandano in modo pertinente, ad altri post che ad esempio potrebbero approfondire un determinato argomento che hai accennato.

Per fare ciò si usa la tecnica dell’anchor text: in una o più parole viene inserito il link della pagina del post a cui si vuole rimandare.
Tale parola avrà una visibilità differente dalle altre, perché in grassetto o sottolineata e in genere di un altro colore, appunto per richiamare l’attenzione di chi legge.

Tale tecnica aiuta a migliorare la navigabilità del tuo sito e riduce la frequenza di rimbalzo, fattore questo importante ai fini SEO.

Seo copywriting: intestazioni H1, H2, H3

Nel seo copywriting, l’uso corretto dei tag di intestazione è un altro aspetto di rilievo.

Per impostazione predefinita, in genere il titolo del post del tuo articolo utilizza un tag di intestazione H1.
Di conseguenza, anche se può sembrare scontato, assicurati che i prossimi sottotitoli del tuo articolo abbiano il tag H2 o H3 e così via.

Se scrivi ad esempio un post lungo, è bene utilizzare al meglio questi tag, sia da un punto di vista SEO, utilizzando nei titoli delle parole chiave, ma anche per la facile comprensione e lettura scorrevole per gli utenti.

articolo-seo-friendly
Dai sempre delle soluzioni ai tuoi clienti!

Ad esempio ci possono essere degli utenti che stanno cercando una risposta in particolare ad una loro necessità.
Atterrano pertanto dentro il tuo articolo, magari abbastanza lungo, perché tratta un argomento in modo approfondito.

Utilizzare dei termini pertinenti nei tag H2 e H3, potrebbe portare il lettore ad andare direttamente a leggere quella determinata sezione, perché già dal titolo ha capito che sta trovando ciò che per lui è interessante.

Anche per questo motivo è pure consigliabile utilizzare un plugin che inserisce un sommario in ogni post presente nel tuo blog. Di certo faciliterà la navigabilità anche dentro l’articolo stesso.

Conclusioni

Abbiamo visto in questo articolo come fare seo copywriting da un punto di vista tecnico, quindi nel come utilizzare e ottimizzare ciò che è presente dentro un post.

Per quanto riguarda invece il tono di voce che vorrai utilizzare e la terminologia, questi dipenderanno molto dal tipo di argomenti che stai trattando e, in base alle tue preventive ricerche, da cosa i lettori stanno cercando e le soluzioni che vuoi fornire.

Il consiglio, in ogni caso, è sempre quello di scrivere in modo semplice, leggibile, facilmente comprensibile e naturalmente anche in modo coinvolgente.

I tuoi lettori nei tuoi post hanno interesse a trovare le soluzioni ai loro problemi e più sarai semplice e diretto, più sarai apprezzato e seguito.
Se dovessi avere dubbi o difficoltà a riguardo, esistono dei corsi che danno quella preparazione necessaria per scrivere bene online.

Tieni bene in mente:

  • Quando fai seo copywriting, scrivi in modo chiaro, semplice e fornisci le soluzioni che i tuoi lettori cercano;
  • Utilizza gli strumenti che ti aiutano nella SEO;
  • Rendi i tuoi contenuti facilmente accessibili all’interno del tuo sito;
  • Realizza un sito professionale che possa essere un riferimento nel tempo.

Jetpack

Iscriviti al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post e altri contenuti per te!

1 Comment on "Seo Copywriting: come scrivere un articolo SEO"

  1. Articolo chiaro, preciso e ricco di contenuti, mi è stato molto utile a proposito della meta description.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.